Visita il nostro archivio

Cari bambini e care famiglie,

capita anche  voi di annoiarvi a volte?! In questo tempo dove non si esce per andare a scuola e si sta molto in casa può succedere di più. E allora ecco che una piccola amica francese, Amalia, ci è arrivata in soccorso con un’idea che abbiamo subito adottato e adattato per il nostro blog. Amalia ci ha suggerito il gioco: “Maman, je m’ennuie?!” E che cos’è questo gioco?, abbiamo detto noi. –C’est facile! – ha risposto lei – basta una scatola con dentro tante idee. E quando ti annoi basta aprire la scatola  e di sicuro salterà fuori un’idea per smettere di annoiarsi!-

Cosa serve? 

  • Un cellulare o computer
  • Una connessione internet
  •    Una scatola

Obiettivi: 

  • non annoiarsi
  • allenare la fantasia
  • esercitarsi nell’osservazione
  • fare una passeggiata nella memoria

ATTIVITÀ 1 –  Il fuori: una scatola

Iniziamo con un po’ di movimento in casa e andate a cercare la scatola che fa per il vostro bambino. Può essere grande, piccola, quadrata, rettangolare, di latta o di cartone, poco importa. Se non la trovate abbastanza bella potete decorarla con ritagli di giornale o con dei disegni, infiocchettarla o ricoprirla di fili di lana. Tutto dipende dal gusto del vostro bambino. E’ importante che la senta sua e  che in giro non se ne trovi una di uguale! Quando l’avete trovata potete fare una foto da condividere con maestri e amici, oppure un video dove raccontate com’è la vostra scatola.

Potete iniziare così:  la mia scatola è di cartone/di plastica/di latta … La mia scatola è colorata/di colore …/ decorata… La mia scatola è rettangolare/quadrata/rotonda…La mia scatola è grande/piccola….

 

ATTIVITÀ 2 –  Il dentro: le mie meraviglie

Ora è il momento di cercare in giro per casa tutto quello che di meraviglioso volete racchiudere dentro la vostra scatola per ritrovarlo ogni volta che vi annoiate. Noi vi diamo qualche suggerimento, ma di sicuro voi bambini di meraviglie ne sapete più di noi: un bottone…un sasso…una fotografia…una collana di perline…un pezzo delle costruzioni…una matita colorata…un foglietto colorato…una foglia di un albero…un bacchetto di legno…una candela…una catena d’argento senza cane…il guscio di una lumaca…una conchiglia…

Bene! Ora che avete finito fate una FOTO al contenuto della vostra scatola e scrivete la LISTA dei vostri oggetti meravigliosi. Condividete le LISTE con compagni e insegnanti.

ATTIVITÀ 3 –  Racconti in scatola

Ogni giorno, aprite la vostra scatola e, ad occhi chiusi, pescate 5 OGGETTI e provate a inventare delle storie. Noi vi diamo le parole per collegare i vostri oggetti:  C’era una volta...poi...dopo…e…perché…ma….allora…infine….

Quando vi siete allenati abbastanza e la storia vi sembra molto bella, raccontatela ai vostri amici o insegnanti.

 

—-Un passo in più per crescere—-

Non solo le scatole possono contenere meraviglie, anche una giornata di nebbia può essere magica come una scatola e nascondere incontri meravigliosi. E anche ascoltare storie in una lingua sconosciuta può aiutare l’immaginazione. Provate a seguire il RICCIO NELLA NEBBIA (clicca qui)

  • Michela Apr 25, 2020 Rispondi

    Che bella attività! In tema di scatole, mi viene in mente il libro “Il pacchetto rosso” di Gino Alberti e Linda Wolfsgruber. E’ un libro natalizio, che racconta di un misterioso pacchetto rosso e della bellezza del donare.
    Se non si ha il volume si può guardare e ascoltare su YouTube: https://www.youtube.com/watch?v=jyPrBtmc3oQ&t=35s
    E alla fine si può creare una scatola con i bambini, dipingendo e decorando di rosso una scatola che si ha già in casa, o scaricando uno dei numerosi template che si trovano in internet (come ad esempio questo: https://www.youtube.com/watch?v=jyPrBtmc3oQ&t=35s), stampandolo su un foglio/cartoncino rosso e creando così il “pacchetto” con i bambini. Alla fine della quarantena (o in qualsiasi altro momento) si potrà dare la scatola a una persona che ci sta a cuore e iniziare così a farla girare, come nella storia. 🙂

  • Nome

  • Email

  • Indirizzo (Opzionale)

  • Commento (Richiesto)